logo_5 image

Novità Nuovo Riesling alla spina

01/08/2013
NOTIZIE >>

Cenni Storici

Ancora incerta l’origine di questa varietà che sembra presentare delle analogie con il vitigno Greco di Tufo. Se così fosse il Riesling Italico discenderebbe dall’Animea Gemella, vitigno già descritto da Columella e utilizzato dai Romani per la produzione del vino Animeo. Secondo alcuni Autori la varietà potrebbe essere invece originaria della Francia, ma nulla toglie che possa essere pervenuta da qualche paese dell’Europa centrale. Era, infatti, diffusa lungo la Drava, la Sava e il Danubio fin dalla seconda metà del XVII secolo. Da qui il Riesling si sarebbe diffuso in Veneto con il dominio Austro-Ungarico, giungendo in Oltrepò alla fine del 1800. La Denominazione di Origine Controllata Oltrepò Pavese Riesling italico risale al 1970.

Caratteristiche Vegetative

Anche per questo vitigno l’Oltrepò può vantare il primato nazionale di coltivazione. Il Riesling italico è, infatti, una tra le varietà più diffuse nella zona. Si coltiva un po’ dappertutto, anche se le maggiori concentrazioni si ritrovano nella zona di media collina della fascia centro orientale (Valle Versa, Valle Scuropasso, Mornico Losana, Oliva Gessi, Montalto Pavese).
Vitigno di medio vigore, con produzioni buone e costanti, preferisce climi asciutti e terreni non troppo umidi e possibilmente collinari altrimenti si avrebbero maturazioni troppo ritardate e maggiori rischi di attacchi di botrite oppure una rapida evoluzione degli acidi e di conseguenza mosti poveri di acidità.
Si adatta alle diverse forme di allevamento e potatura purché non troppo espanse e ricche.

Qualche cenno Ampelografico

Il germoglio è ad apice espanso, verde-biancastro, vellutato, con foglioline apicali spiegate, biancastre, cotonose.
La foglia adulta è di grandezza media, intera o trilobata, con seno peziolare ad U. La pagina superiore è verde chiara, liscia, priva di peluria, quella inferiore verde-grigiastra per il tomento diffuso su tutta la superficie.
Il grappolo è medio o piccolo, cilindrico, spesso alato.
L’acino è medio, sferoide con buccia di colore giallo più o meno carico, consistente. L’ombelico è evidente sotto forma di macchiolina nerastra.
La polpa è succosa di sapore dolce e semplice.

 

Indietro